《 Il diavolo veste Prada 》 la strada per il successo !

Un altro libro, che ho inseguito per molti anni, legato anche ad un film, è “Il diavolo veste Prada” di Lauren Weisberger.

Era il lontano 2006, quando nel pieno della mia adolescenza uscì al cinema questo meraviglioso film che vide protagonista Anne Hathaway con la formidabile Meryl Streep. Dal momento in cui lo vidi la prima volta, fu per me un colpo di fulmine, il mio più grande desiderio era esser Andrea Sachs e diventar un giorno Miranda Priestly.

Una ragazza che insegue il suo sogno e per realizzarlo è disposta a tutto, come lavorare per una rivista di moda di cui non sa un bel niente (ed io ero una piccola sciattona!) …ma la determinazione di Andy per me era favolosa, e poi chi non sogna di essere Miranda Priestly, donna con i contro*******, capo redattrice di una rivista famosa ?

Si può dire che ho sempre avuto delle aspirazioni molto alte.

Di conseguenza il film “Il diavolo veste Prada” è diventato uno dei miei preferiti, dove ne conosco tute le battute. La stessa cosa vale per Mulan.

wallpaper1539_768-1.jpg

Questo per dirvi che dovevo conoscere la storia per intero. Ho comprato il libro nel mio solito mercatino, e nella mia libreria ha fatto la muffa per altri tre anni. Nel 2016 ho aperto la prima pagina e ho iniziato a leggerlo, ma come al solito non era il momento giusto, l’ho richiuso e sono andata avanti. Ora 2018 mi ritrovo in un momento di crisi, come Andy alla ricerca del mio primo lavoro. Mi sono laureata e ora? Qual è il passo, il percorso da percorrere? E al libro di Lauren ho chiesto aiuto. Era arrivato il suo momento.

Peccato che non era come me lo aspettavo.

Leggendo ancora un libro riadattato per lo schermo ho capito quanto sia magica la sceneggiatura e il mondo del cinema.

Il testo non rispecchia molto i personaggi del film ai quali ero affezionata, Andy è molto diversa, la scrittura è molto femminile, intima e realistica e Miranda non è Meryl Streep! E dov’è poi il mio Nigel?

Andy sogna di lavorare per il Newyorker, un giornale senza immagine, ma per arrivare al lavoro dei suoi sogni bisogna fare molta gavetta e Runway un giornale con un’immagine è il posto giusto, un lavoro che ogni ragazza vorrebbe avere. Andy non ha classe, non ha stile, tanto meno ha abbastanza soldi per potersi permettere abiti griffati. Una volta assunta a Runway lo stress la pervade al punto da mettere da parte ogni relazione personale, come il suo rapporto con Alex, che non è un cuoco affascinante ma un insegante con tanta speranza, e la sua migliore amica Lily una fanatica che studia alla Columbia e che al posto del sangue nelle vene le scorre alcol puro al 100%. Sul posto di lavoro incontra Emily adepta della rivista e di Miranda, naturalmente. Nel libro Emily ha un cuore.

La scalata al successo per Andy è ardua, e nel suo lavoro mette tutto, tanto da perdere se stessa. Miranda è un mito tra i redattori di numerose riviste e non solo di moda, rappresenta una donna forte, fredda, con i paraocchi, segue la sua strada e rischia tutto, e la sua perseveranza la porta al successo, e in Andy vede delle grandi potenzialità tanto da dirle di ricordarle se stessa, e con queste frase Andy comprende che non bisogna dare ogni cellula a qualcuno che non lo merita, neanche per realizzare il proprio sogno.

Nel film Nigel dice ad Andy “Fammi sapere quando la tua vita va completamente all’aria, vuol dire che è l’ora della promozione.” , e proprio quando Andy sta per avere una svolta nel proprio lavoro, perde tutto, ma riesce a ritrovare se stessa. Quindi non roviniamo la nostra vita per una paga che non ci rende felice.

Il romanzo è molto interessante, ma sicuramente non mi ha regalato quel surplus che cercato, anzi mi ha solo fatto conoscere la meravigliosa capacità di Aline Brosh McKenna, la sceneggiatrice del film, che è riuscita a valorizzare il lavoro di Lauren, lavorando su tutti i punti di forza. Credo che senza il supporto di questa autrice il film non mi avrebbe mai colpito. Nigel ad esempio è un personaggio di passaggio che nel film viene rappresentato come una delle colonne portanti per Andy, un aiutante che l’accompagna nella sua trasformazione da una semplice assistente sciatta a una prossima donna in carriera.

L’adattamento cinematografico è un lavoro duro e spettacolare, in quanto ricrea o crea un mondo tutto nuovo.

Vi consiglio questo libro per giocare e trovare le differenze con il prodotto cinematografico ed il film …perché le interpretazioni e la scrittura sono spettacolari.

Questo romanzo mi ha ricordato che devo impegnarmi per il mio futuro, senza perdere me stessa.

Buona lettura!!!

Annunci