De amicitia

Son carico d’immagini e sorrisi

nell’angolo più obliquo della mente,

sul suolo calpestato dalla gente

che corre a perdifiato fra la folla.

Pensieri si accavallano sulle idee,

noi due ricongiunti per durare,

per anni ed anni ancora e ritrovare

l’arcano senso della vita,

fra un libro letto troppo in fretta

e un pasto caldo da gustare.

Voliamo sulle vette dell’ardore

con macchine speciali, a piedi nudi,

come se i calzari fossero di ferro,

pesanti da indossare,

inutile zavorra in mongolfiera.

Anni che ci vedranno sempre amici,

a ridere di tutto a crepapelle,

come se il mondo fosse nostro

e gli altri poco inclini all’esistenza.

🔘 Sebastiano Impalà

All rights reserved

Mino Lo Savio “Amici all’osteria” 2011