Google+

Vincent, il sole dentro

5

29/12/2017 di Francesca Nardella


Per molti un semplice volto ‘famoso’, l’uomo dal pennello facile. Per altri un depresso, un uomo disturbato.

Ma chi era Vincent?

Io credo fosse semplicemente un uomo tanto solo, che per tutta la vita ha cercato di tingere di mille colori il Suo mondo perché fuori era tutto uguale. Non lo capivano, ma cosa chiedeva in fondo?

Di essere amato. Come tutti noi.

Era probabilmente un uomo più sensibile rispetto agli altri, di quelli che si sentono accarezzati dal profumo delle viole, sconfitti dal rumore del vento, baciati dai tiepidi raggi del sole.

E per tutta la sua vita non ha chiesto altro che esser visto, esser Riconosciuto.

Di accendere negli occhi degli altri la stessa luce che sentiva lui.

E forse alla fine non ce l’ha davvero fatta e ha smesso di combattere.

E dovremmo dispiacerci per questo.

Forse non aveva nulla che lo tenesse in piedi, forse non si bastava. Forse non è stato forte abbastanza da vedere oltre, da indossare quella corazza tutto solo.

Forse ha provato a trattenersi ma ha finito per credere più negli altri che in se stesso. Ma resterà un uomo incredibilmente gentile, stravagante e travolgente al tempo stesso.

Di quelle anime rare che spesso sono in anticipo sui tempi, son nate nell’epoca sbagliata e ne pagano il prezzo.

E probabilmente gli sarebbe bastato uno sguardo in cui sentirsi protetto, in cui scaldarsi. Forse che qualcuno facesse ciò che da solo lui non poteva. Che lo aiutasse. Che gli dicesse che a volte bisogna ammettere di non bastarsi e aver bisogno di una mano da afferrare. Perché magari il viaggio è stato lungo e siamo esausti. (…)

a volte basta ammetterlo e permettersi di star male per poi tornare a vivere con cuore nuovo.

A volte invece basterebbe solo aver un pizzico di coraggio in più.

Per amarsi.

E poi insegnare agli altri a farlo in ritorno.

Ma amare se stessi prima.

Fidarsi di più di quel paio d’occhio che ogni mattina implora il nostro amore allo specchio.

In fondo siamo l’unica cosa che resterà.

© Francesca Nardella

RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

5 thoughts on “Vincent, il sole dentro

  1. Ti consiglio il documentario della BBC con Benedict Cumberbatch, ho appena finito di vederlo. Molto interessante 🙂

  2. Antonella Stanzani ha detto:

    Un ritratto intimissimo di un’anima inquieta come molti di noi

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Gli ultimi 3 di :

Statistiche

Secondo le statistiche annuali #OneElpis è letto in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco…

  • 39,364 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 6.524 follower

© OneElpis

Ogni collaborazione con @OneElpis è da intendersi gratuita. Lo stesso Blog è "non profit". | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. #OneElpis è in tal senso destituito da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti a @OneElpis e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. OneElpis non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: