La struttura del Purgatorio (Alla scoperta del viaggio dantesco)

Il pellegrino Dante dopo la terribile visione del Signore delle Tenebre, raccontata nel canto XXXIV della prima Cantica, ascende insieme alla sua guida Virgilio nel secondo Regno ultraterreno, il Purgatorio: la sensibilità, sia fisica che intellettuale del Poeta cambierà nel corso di questo nuovo viaggio, così come sarà diversa l’atmosfera dell’intera Cantica.

Domenico_Morelli_-_Dante_e_Virgilio_nel_Purgatorio

A differenza dell’Inferno, nel Purgatorio le anime non sono statiche in un unico luogo stabilito dalla Sapienza divina, ma si muovono per espiare le proprie colpe e salire fino alla beatitudine, seguendo la forma del Regno: una montagna sulla cui cima si trova il Paradiso Terrestre.
Ricordiamo che il Purgatorio venne idealizzato nell’età Medioevale, ma secondo i canoni attuali della Chiesa Cattolica i Regni ultraterreni sono due: l’Inferno e il Paradiso.
La base del monte del secondo Regno è coperta da una spiaggia dove si trovano le prime anime purganti schierate nell’ Antipurgatorio, nel quale il Poeta incontra le anime dei negligenti suddivisi in quattro schiere, rispettivamente: i morti scomunicati, i pigri, i morti per violenza e i principi, quest’ultimi collocati nella valletta amena.

dante.jpg

 

Completata la schiera dei negligenti Dante attraversa la porta del Purgatorio, entrando nel secondo Regno diviso in sette cornici, numero dei sette peccati capitali, che si suddividono a loro volta in tre sezioni: dalla prima alla terza cornice ci sono le anime di coloro che mancarono all’amore di Dio per “malo obiettivo”, cioè per l’amore rivolto verso il male; nella quarta cornice camminano le anime degli accidiosi, coloro che ebbero mancanza verso Dio per scarso amore del bene e infine dalla quinta alla settima cornice si trovano le anime di coloro che dedicarono il loro amore per i beni terreni, cioè gli avari e i prodighi, i golosi e i lussuriosi.
L’ultima tappa del viaggio lungo il Regno dei purganti è il Paradiso Terrestre, dove Dante incontrerà la sua nuova guida Beatrice.

Amos nattini, Purgatorio canto XXX, versi 31-32-2.jpg

 

© Martina Michelangeli

 

RIPRODUZIONE RISERVATA